Facoltà del curatore fallimentare di eccepire la prescrizione presuntiva

Cover di Facoltà del curatore fallimentare di eccepire la prescrizione presuntiva

Inammissibilità del giuramento decisorio - Orientamenti della giurisprudenza



Come noto, la prescrizione presuntiva del credito per le prestazioni dei professionisti di cui all’art. 2956 c.c. matura in 3 anni. Il suo decorso fa sorgere una mera presunzione di intervenuta estinzione dell’obbligazione per avvenuta soddisfazione del credito, presunzione superabile solamente attraverso gli strumenti di cui agli artt. 2959 e 2960 c.c. (l’ammissione in giudizio e il giuramento decisorio).


Infatti, in tema di prescrizione presuntiva, mentre il debitore-eccipiente, è tenuto a provare il decorso del termine previsto dalla legge, il creditore ha l'onere di dimostrare la mancata soddisfazione del credito, e tale prova può essere fornita soltanto con il deferimento del giuramento decisorio, ovvero avvalendosi dell'ammissione, fatta in giudizio dallo stesso debitore, che l'obbligazione non è stata estinta.

Tale possibilità di fornire prova contraria va però incontro ad alcune criticità laddove, nell’ambito della procedura concorsuale fallimentare, sia il curatore ad eccepire al creditore la prescrizione “breve” del suo credito professionale. In tali casi si pone infatti il problema dell’ammissibilità del deferimento del giuramento decisorio al curatore, in luogo di quello previsto dall’art. 2960 al debitore, che essendo fallito ha perso la disponibilità dei propri beni.


In senso affermativo si è più volte pronunciata la giurisprudenza di merito (Trib. Milano sent. 1970/17; ma anche Trib. Vicenza 16 aprile 2009; Trib. Agrigento 15 gennaio 2004) la quale ha ritenuto possibile applicare in via analogica il secondo comma dell’art. 2960 al curatore fallimentare, ritenendo deferibile a quest’ultimo almeno il giuramento de scientia.

Il tema deve essere considerato, osserva il collegio: “non obliterando la necessità di assicurare al creditore la disponibilità di un mezzo di prova volto a contrastare l’eccezione di prescrizione presuntiva sollevata dal curatore. Infatti, a meno che non si ritenga che la deduzione di tale eccezione sia addirittura preclusa al curatore, è evidente che al creditore deve essere conservato uno strumento di risposta, pena la vanificazione del diritto di difesa protetto dall’art. 24 Cost., atteso che la prescrizione presuntiva limita la protezione giuridica del diritto (cfr. Cass. 7527/2012), e che il disposto dell’art. 2960 c.c. non lascia al creditore alcuno spazio per l’utilizzo di mezzi di prova alternativi al giuramento. Non di giuramento de veritate si potrebbe mai trattare, per le ragioni sopra indicate, ma appunto di giuramento de scientia, avente ad oggetto la conoscenza che il curatore abbia di un fatto non riferito alla propria condotta, bensì a quella di un terzo, vale a dire del fallito.” (Trib. Milano sent. 1970/17)

Tale interpretazione si presta però alla critica dell’inammissibilità di una lettura estensiva dei soggetti legittimati a prestare giuramento ex art. 2960 II comma, il quale secondo l’interpretazione maggioritaria conterrebbe invece un’elencazione tassattiva.


Un’altra soluzione è stata avanzata dalla Suprema Corte con la sentenza 15570/15, che, con ampie considerazioni argomentative, ha ritenuto ammissibile il deferimento del giuramento al curatore sulla scorta della considerazione dell’ampiezza del disposto dell’art. 2939 c.c., che consente anche ai terzi, e non solo alla parte, di far valere la prescrizione ove vi abbiano interesse. Di qui, la Corte rileva come la legittimazione del curatore a far valere l’eccezione in parola potrebbe essergli riconosciuta in quanto terzo, essendo venuta meno la legittimazione del fallito: ciò collocherebbe, di conseguenza, il curatore nel novero dei soggetti contemplati dall’art. 2960 I comma c.c., quali destinatari diretti del giuramento. Diversamente infatti, aggiunge la S.C. si addiverrebbe ad una possibile incongruenza del sistema, se si ritenesse non deferibile in assoluto in giuramento a soggetto ritenuto in grado di eccepire la prescrizione presuntiva. Infatti: “In base a tale tesi, la correlazione tra l’eccezione di prescrizione presuntiva e la conseguente facoltà di deferire il giuramento decisiorio sarebbe talmente stretta che la negazione della possibilità della delazione almeno del giuramento de scientia priverebbe la parte, contro la quale l’eccezione è stata sollevata, dell’unico mezzo istruttorio previsto a sua difesa, non essendo ritenuto possibile esperire altri mezzi di prova per superare l’eccezione.”


Tale interpretazione è tuttavia superata dall’orientamento più recente, ad oggi prevalente, della Corte di Cassazione, che, seppur con una motivazione assai meno approfondita e convincente, nega tout court la possibilità di deferire giuramento al curatore fallimentare.

Con l’ord. sez. I, n. 19418 del 2017 e poi con la Sent. Sez. VI n. 12044 del 2020 la Suprema Corte ha recentamente confermato il proprio consolidato orientamento (Cass., 18 ottobre 2016, n. 23427; Cass., 11 novembre 2013, n. 25286; Cass., 14 febbraio 2011, n. 3573.), secondo il quale: “al curatore non possa essere deferito il giuramento decisorio, perché lo stesso - in quanto terzo - non ha la disponibilità del diritto controverso; così come, del resto, al curatore non è dato rendere confessioni, ammissioni o riconoscimenti.” Detta circostanza, rileva altresì il Collegio: “non potrebbe peraltro valere a rendere inapplicabile l'istituto della prescrizione presuntiva nell'ambito del procedimento di ammissione al passivo fallimentare. Chè ciò significherebbe - si osserva a questo proposito - mettere il curatore fallimentare in una posizione deteriore rispetto a quella dei comuni debitori.” (Cass. 12044/2020)

VicariusLegal è una community dell’Avvocatura innovativa, uno spazio virtuale dove far nascere nuove sinergie e forme di collaborazione.

Iscrivendoti potrai, infatti, ottenere interessanti opportunità di lavoro, proponendoti tu stesso come sostituto nei Fori da te indicati, ampliando la rete di contatti e facendoti conoscere a livello nazionale. Ma non solo!

Per saperne di più, consulta la nostra homepage: HOMEPAGE

Iscriviti gratuitamente al seguente link: REGISTRATI

Contenuto Sponsorizzato

Commenti

Accedi per lasciare un commento login